Carenza di Ferro. perchè il ferro è d'importanza vitale?

Senza ferro la funzionalità dell’organismo umano è compromessa, poiché il ferro è un componente vitale per il corpo. Il corpo ha bisogno del ferro per trasportare e accumulare l’ossigeno. Il ruolo del ferro va però ben oltre tale compito.

Il ruolo del ferro nell’organismo

All’interno dell’emoglobina, il ferro è responsabile del legame e pertanto dell’approvvigionamento di ossigeno alle cellule. Circa 1/3 della scorta di ferro dell’organismo è contenuta nell’emoglobina. Un altro 20% si trova all’interno delle riserve di ferro (ferritina) Nella muscolatura, il ferro serve ad accumulare ossigeno, oltre a giocare un ruolo importante sul fronte della disponibilità energetica nelle cellule; esso è inoltre coinvolto nella produzione degli ormoni e di altri neurotrasmettitori.

Ferro nell'organismo

- Assorbimento del ferro attraverso una dieta ricca di ferro
- Ferro nel midollo osseo per l'emopoiesi
- Ferro nel fegato come riserva
- Ferro nel sangue per leagare l'ossigeno
- Ferro nei muscoli come vettore dell'ossigeno e in altre proteine
- Perdita di ferro durante il processo di eliminazione delle vecchie cellule e il ciclo mestruale femminile

7 possibili sintomi da carenza di ferro:

• spossatezza / stanchezza / difficoltà di concentrazione
• ridotta efficienza fisica e mentale
• temperatura corporea instabile
• sistema immunitario debilitato
• perdita e indebolimento dei capelli
• unghie fragili
• pelle secca, screpolature agli angoli della bocca.

Come posso migliorare l’assunzione di ferro?

Trattandosi di un oligoelemento essenziale, il corpo umano non è in grado di produrre ferro in autonomia, pertanto, per la relativa assunzione, dobbiamo affidarci a una dieta mirata o a specifici complementi alimentari. Con un’alimentazione corretta e una flora intestinale in buona salute, non è tuttavia problematico assumere la dose di ferro necessaria attraverso il cibo. 
Al fine di coprire il fabbisogno di ferro giornaliero, è importante ricorrere ad alimenti ricchi di questa sostanza, tra cui, in particolare, carne, legumi, funghi, cereali integrali e prezzemolo.

Promotori del ferro (favoriscono l’assorbimento):

Vitamina C – frutta, verdura fresca, complementi alimentari
Fegato – naturale organo di accumulo del ferro
Alimenti con un basso valore di pH – alimenti acidi

Inibitori del ferro (ostacolano l’assorbimento)

Acido ossalico – spinaci, rabarbaro, cioccolato in polvere
Polifenoli – succo d’uva, vino rosso, caffè, tè (tè nero/verde), miglio
Medicamenti come ad es. leganti degli acidi gastrici

Top ten degli alimenti fonte di ferro
Alimenti di origine animale (100 g) Prodotti vegani (100 g)
Sanguinaccio insaccato 29,4 Crusca di frumento 16,0
Fegato di maiale18,0 Fiocchi di miglio 9,0
Fegato di vitello 9,8 Lenticchie essiccate 8,0
Paté di fegato 7,9 Germe di grano 7,6
Carne di manzo 2,1 Fagioli bianchi essiccati 7,0
Carne di vitello 2,0 Ceci essiccati 6,1
Uova 1,8 Tofu 5,4
Carne di maiale 1,4 Fiocchi d’avena 4,2
Prosciutto 1,1 Scorzonera 3,3
 Pancetta 0,8 Prezzemolo 3,3

Sciroppo vitaminico fruttato con ferro: Narosan Mirtillo

Il complemento alimentare Narosan Mirtillo apporta le vitamine della frutta e una dose extra di ferro e rame. Il contenuto di succo di mirtillo è pari a quasi il 70%. Questo prodotto vitaminico con ferro privo di glutine è l'ideale per compensare la carenza di ferro generica o legata alla crescita, al ciclo mestruale o alla dieta vegana. 
25 ml di Narosan Mirtillo contengono 14,0 mg di ferro. Se ne consiglia l'assunzione per un periodo prolungato di 3-4 mesi. Assumere 2-3 cucchiai al giorno prima dei pasti, puro o diluito (ad es. in acqua minerale).